HomeNewsAlbert vs Ruslan: a sorridere è l'ucraino

Albert vs Ruslan: a sorridere è l’ucraino

Pubblicato il

- Pubblicità -

Si è da poco conclusa la finale fra Islanda e Ucraina, valida per un posto ai prossimi campionati europei.

Match che era anche un derby fra due dei tanti gioielli rossoblù, ossia l’islandese Albert Gudmundsson e l’ucraino Ruslan Malinovskyi.

E a sorridere fra i due contendenti, sul campo neutro della Tarczynski Arena di Wrocław (Polonia), è stato il centrocampista ucraino, con la sua squadra che si imponeva sui rivali nordici con il punteggio di 2 – 1.

La gara in realtà si metteva subito bene per gli islandesi, che passavano in vantaggio grazie ad un gran gol proprio di Albert Gudmundsson, che dopo la tripletta (e un assist) in semifinale contro la nazionale di Israele riusciva a mettere il proprio sigillo personale anche contro gli ucraini.

Il match era molto combattuto e gli ucraini riuscivano a pervenire al pareggio a sei minuti dalla fine del primo tempo con Yaremchuk, anche se la sua gioia durava poco visto che il var rilevava la posizione di fuorigioco del giocatore.

Nella ripresa la formazione ucraina prendeva però in mano le redini del gioco e perveniva al pareggio dopo soli nove minuti grazie a Tsygankov, che batteva l’estremo difensore islandese con un tiro potente e preciso.

Al 65° terminava poi il match per Ruslan Malinovskyi, avvicendato dal difensore dell’Arsenal Zinchenko.

L’Ucraina continuava a mantenere una certa supremazia territoriale, interrotta solo da alcune azioni degli islandesi che vedevano sempre il giocatore del Genoa come protagonista.

Ma a sei minuti dal termine era Mudryk a trovare il varco giusto per la rete che qualficava l’Ucraina, che sarà ora inserita nel girone E con Belgio, Slovacchia e Romania.

Nelle altre due finali la Georgia aveva la meglio sulla Grecia ai calci di rigore (staccando così il pass per l’europeo dove sarà inserita nel girone F insieme a Turchia, Portogallo e Repubblica Ceca), mentre fra Galles e Polonia, dopo che i tempi regolamentari e quelli supplementari si erano chiusi sul punteggio di 0 – 0, sono i polacchi a qualificarsi dopo i calci di rigore. La Polonia sarà ora inserita nel proibitivo gruppo E, dove se la dovranno vedere con Francia, Olanda e Austria.

Gip

- Pubblicità -GenoART

RUBRICHE

POPOLARE

Genoa corsaro a Verona

Il Genoa parte per Verona con diverse assenze, ma Gilardino riesce comunque a mettere in campo una formazione vogliosa di ben figurare contro i...

Radio music for peace