HomeEditorialeBuonasera, vi spiego perche' la stampa (e non) ama rompere le palle...

Buonasera, vi spiego perche’ la stampa (e non) ama rompere le palle al Genoa

Pubblicato il

- Pubblicità -

Ho raccolto numerose richeste di aiuto inviate da amici lettori miei e di Canale Genoa. In coro: “perche’ le notizie sul Genoa sono sempre indirizzate verso il negativo?”

Ecco la spiegazione. Dovete sapere che da sempre e’ cosi, perfino durante i migliori tre anni della nostra storia moderna. Uno con Scoglio, poi Bagnoli, infine Gasperini.

Esempio con Bagnoli: io lavoravo a Roma, fuori dalle mura cittadine nostrane era un continuo tessere le lodi nei confronti dei ragazzi di Osvaldo. Addirittura il corriere dello sport scrisse un pezzo dove si domandava il segreto della robustezza fisica. L’articolista scrisse “una rosa ridotta che non ha mai infortuni” .. o una cosa simile. Con il Gasp eravamo un piccolo Barcellona. In casa nostra pero’ le cose non vanno così, tutt’altro. Se il Genoa dovesse fare in serie A (quest’anno non sara’ possibile) gli stessi punti della Sampdoria trovereste due versioni della stessa storia. Samp: meravigliosa calvalcata. Genoa: delusione si sarebbe potuto fare di più.

Non sono stupidi o incapaci, ma adoperano una logica. Se del Genoa scrivi “bellezze” vendi tre copie, al contrario con gli altri le letture sono coerenti alla realta’. Io ho avuto tanti giornali e ho collaborato con radio e scritto ovunque, e’ cosi. Quando il Genoa perde, i contatti si sprecano. Se vince meno, molto meno.

Purtroppo questo vale anche per i blog che negli ultimi anni si sono moltiplicati. C’e’ una sorta di corsa alla catastrofe, porta lettori. Attenzione non e’ colpa di chi scrive ma di una tendenza all’auto distruzione dei Genoani. Non tutti magari, ma una grandissima parte si.

Secondo voi perche’ la nuova dirigenza Rossoblu sta tentando di portare tifosi della Nord nei Distinti? Io nei distinti ho visto tre partite e subito dopo mi sono fatto ricoverare a San Patrignano. Insopportabili. Uno e’ grammo, l’altro va a puttane, passando dalla dirigenza che non compra mai nessuno. Un tizio seduto accanto a me ha inveito per 30 minuti contro un calciatore Genoano che pero’ quella partita era squalificato. 30 minuti, poi un suo amico in genovese gli ha detto di piantarla perche il ragazzo non c’era. Quindi cosa dovrebbe fare chi ci mangia con il Genoa? Arriva Retegui? Ok perfetto, pero’ te lo faccio cagare cosi vieni a leggermi e compri il giornale. Stop ragazzi e’ cosi.

Come modificare questo stato, lasciatemi dire insopportabile? Crescendo. Crescendo consapevoli che questa nuova dirigenza ci sta provando nonostante i salassi mensili per pagare i debiti del miglior presidente mai avuto.

Io davvero non so dove potremmo arrivare, ma una cosa si e ve la posso sottoscrivere: “i tempi di merda sono finiti”. Contabilmente siamo a posto, finaziariamente mancano 14 mesi al punto zero. Poi vedremo come andra’. Dobbiamo cercare di portare positivita’ intorno al nostro Genoa.

Orgogliosi di tifare la stroria, perche non ci fossimo stati noi da imitare, probabilmente altri adesso avrebbero una squadra olimpionica di uncinetto.

Vi voglio bene, notte e che il Genoa sia con voi

adriano caorsi

- Pubblicità -GenoART

RUBRICHE

POPOLARE

Gilardino: “A Firenze con coraggio”

Ecco le parole di Mister Gila alla vigilia di Fiorentina-Genoa. Dall'andata ad oggi c'è il mondo. Cosa significa affrontare la Fiorentina?"E' normale che ci sia...

Radio music for peace