HomeNewsGenoa - Reggiana: le pagelle

Genoa – Reggiana: le pagelle

Pubblicato il

- Pubblicità -

Queste le pagelle al termine della gara di Coppa Italia fra Genoa e Reggiana vinta dai rossoblù ai tempi supplementari con il punteggio di 2 – 1:

LEALI 6.5: Un paio di ottimi interventi nel primo tempo horror del Grifone, forse non troppo reattivo in occasione del gol

VOGLIACCO 5.5: Arranca in occasione delle ripartenze avversarie, e sul primo gol è poco reattivo su Varela. E’ evidentemente in condizioni non ottimali, ma non molla mai

(dal ’76 GUDMUNDSSON 7: Gioca col freno a mano tirato, mettendoci il solito tocco di classe che consente al Grifone di passare il turno)

BANI 6: Nel primo tempo è l’unico della difesa che prova a reggere l’urto delle folate avversarie. Esce per un affaticamento

(Dal 55′ DRAGUSIN 7: Un predominio atletico assoluto, senza disdegnare saltuariamente qualche proiezione offensiva)

MATTURRO 5.5: Un primo tempo disastroso, in cui fatica a contenere un non irresistibile Melegoni ed è poco preciso nei disimpegni. Con l’entrata dei compagni titolari si adegua al livello senza però brillare

DE WINTER 6: Senza infamia e senza lode, non combina pasticci ma il suo contributo alla causa è appena sufficiente

THORSBY 4: Non è un giocatore da fraseggio stretto o da ultimo passaggio, posto nel contesto tattico di oggi non ne azzecca una. Tecnicamente molto approssimativo, ma lui è un interditore puro non una mezz’ala….

(dal 45′ FRENDRUP 7: Cambia l’inerzia della partita, caricandosi sulle spalle il peso del centrocampo. Passa in posizione di terzino nel finale, con pulizia e ordine)

STROOTMAN 6: Il meno peggio dei tre di centrocampo nel primo tempo, l’entrata di Badelj e Frendrup è balsamo per il suo animo. Regge 120minuti, gran bella notizia

KUTLU 4: Non mostra qualità, né quantità, fa il suo compitino in fase di appoggio ed è impalpabile nel contenimento. Cosa ci faceva nel Galatasaray?

(al 46′ BADELJ 7: Mette ordine nel bulesumme)

HAPS 7: Già propositivo nella prima frazione, la sua fase di spinta viene premiata nella ripresa da un gol di pregevole fattura. Nonostante mostri talvolta alcune lacune tecniche nella gestione del pallone, è una costante spina nel fianco

GALDAMES 4.5: Non azzecca una giocata, un tempo di gioco. Ci mette per lo meno un minimo di intraprendenza, a differenza di alcuni suoi compagni

(dal ’97 MALINOVSKIY 7: Entra e determina, per usare un vocabolo caro a Gilardino: un assist intelligente ed efficace per Albert)

PUSCAS 5: Impalpabile ed incapace di uscire dall’anonimato nel primo tempo, nella ripresa gode dell’improving qualitativo del Grifone e offre un paio di buone giocate (assist per Haps, traversa su colpo di testa) prima di divorarsi l’ennesimo gol fatto e ripiombare nel nulla

(dal ’77 EKUBAN 4.5: Perde il suo tempo ad imprecare con se stesso ed i compagni per i passaggi sbagliati, azzecca solo un inserimento che conclude con un tiro fuori di poco)

GILARDINO 6: Possiamo anche storcere il naso per la scelta dell’undici iniziale, ma non dimentichiamo che tra quattro giorni ci sarà una sfida fondamentale. La scelta di Thorsby come mezz’ala di incursione non ha pagato, cosi come quella di Kutlu e Galdames. Ma il Genoa2 è questo e lui può farci poco

Nota per i giocatori della Reggiana di proprietà Genoa:

MARCANDALLI 7: Ottima fisicità, oltre ad annullare Puscas nel primo tempo fa diga su un paio di tiri pericolosi dal limite. Teniamolo d’occhio

MELEGONI 6: Pericoloso anche per merito di Matturro. Mostra buone cose ma la solita scarsa concretezza

PORTANOVA 6: Dà una scrollata al torpore reggiano del secondo tempo; duro e impietoso nei contrasti con i suoi ex compagni.

Des per #Futbolmarket e #CanaleGenoa

- Pubblicità -GenoART

RUBRICHE

POPOLARE

Vitinha fumata bianca

Vitinha ai dettagli. Il ragazzo era stato chiaro : voglio restare al Genoa. Il Marsiglia in considerazioni dei buonissimi rapporti con la dirigenza rossoblu...

Radio music for peace