HomePrima squadraGilardino: "Per un'identità precisa di squadra ci vuole un po' di tempo"

Gilardino: “Per un’identità precisa di squadra ci vuole un po’ di tempo”

Pubblicato il

- Pubblicità -

Queste le parole del tecnico del Genoa Alberto Gilardino alla vigilia della sfida contro la Lazio in programma Domenica sera alle ore 20,45 allo stadio Olimpico di Roma:

“La Lazio è una squadra forte, con un allenatore che è un maestro. Hanno giocatori di grande qualità e un attaccante importante come Immobile.

Noi ci siamo preparati per fare una gara tosta, consapevoli delle difficoltà che potremo incontrare ma allo stesso tempo anche consapevoli di quello che vogliamo ottenere.

Ho chiesto ai miei ragazzi di avere una reazione dopo la gara contro la Fiorentina e sono sicuro che ci sarà. Ho grande stima di loro, per i quali mi butterei nel fuoco. C’è la volontà di fare la prestazione.

Dovremo riuscire a comportarci da Genoa.

Possibilità di modifiche tattiche o di formazione? Si è possibile, Vedremo se dall’inizio o a gara in corso. Dipenderà anche da quanti minuti ha nelle gambe Malinovskyi.

Come condizione mi aspettavo di essere un po’ più avanti. Ho comunque un’idea molto lucida del momento. Haps è arrivato oggi, però anche lui come Messias non gioca da un po’ per un infortunio. Ho un’idea molto chiara del momento.

La Serie A la conosco bene. Ho lottato per salvarmi e ho vinto. Mi aspetto che la società in questi ultimi giorni intervenga sul mercato numericamente, perchè ad esempio la settimana scorsa, con Strootman squalificato, a centrocampo avevo solo Jagiello in panchina. Non sono alibi, ma è realtà. Spero che il mercato finisca più presto possibile. Questa percezione ce l’hanno anche i ragazzi, e quindi per costruire un’identità precisa di squadra ci vuole un po’ di tempo. Fondamentale ce l’abbiano tutti in mente.

Ci sono da fare delle valutazioni sul campo, voglio che i giocatori si prendano delle responsabilità.

Da parte nostra siamo una neopromossa e quindi l’entusiasmo deve essere determinante, per me e per i ragazzi. Vestiamo una maglia importante e abbiamo quindi delle responsabilità.

Ci vuole un periodo di adattabilità per i giocatori nuovi, quindi dobbiamo partire con delle certezze, che sono il sacrificio e la voglia di andare a mettere in difficoltà una grande squadra come la Lazio”.

Gip

- Pubblicità -GenoART

RUBRICHE

POPOLARE

Vitinha fumata bianca

Vitinha ai dettagli. Il ragazzo era stato chiaro : voglio restare al Genoa. Il Marsiglia in considerazioni dei buonissimi rapporti con la dirigenza rossoblu...

Radio music for peace