HomeCalciomercatoIl GenoA che sta crescendo (3)

Il GenoA che sta crescendo (3)

Pubblicato il

- Pubblicità -

Facciamo il punto dopo i primi 40 giorni di calciomercato, con riferimento al Work in progress degli uomini mercato Rossoblù e al primo impegno ufficiale della nuova stagione, l’esordio in Coppa Italia contro il Modena, dopodomani venerdì 11 agosto, proseguendo nella nostra linea d’analisi editoriale, dopo i due articoli precedenti.  Alcuni segnali sembrano orientare lo sguardo di mister Gilardino verso un centrocampo a due, 3-4-1-2 o 3-4-2-1 o 3-4-3: vediamo cosa succede.

PORTIERI – Reparto completamente definito, con il titolare Josep Martinez, il secondo Nicola Leali, classe ’93 proveniente dall’Ascoli, e terzo il Genovese e Genoanissimo Daniele Sommariva (luglio ’97). Diverse le opzioni disponibili per il quarto – in caso di necessità – da reperire nella squadra Primavera.

DIFENSORIDavide Biraschi da una parte (di piede destro ma schierato anche a sinistra, in amichevole) e Johan Vasquez dall’altra (piede sinistro, rivisto in campo con il Monaco), entrambi di rientro dai prestiti, sembrano al momento i giocatori presi in considerazione dallo staff tecnico nel ruolo di difensori centrali.  Insieme a Vogliacco, Bani e Dragusin, e al giovane Matturro, sembrano quantitativamente in grado di completare, o quasi, il pacchetto centrale di retroguardia.  Sfumato l’ex Interista Danilo D’Ambrosio, la pista calda pare essere quella inerente il Belga Koni De Winter (Juventus, piede destro, giugno ’02, impiegabile anche da esterno), col quale mancherebbe pochissimo all’accordo.  Il fatto che non si trattino difensori mancini potrebbe stare a indicare la fiducia nel messicano Vasquez e/o nella capacità di adattarsi di Biraschi o anche il possibile mantenimento della posizione “sul piede debole” per il rumeno Dragusin.

ESTERNI – Accolto il gagliardo Aaron Martin (aprile ’97, scuola Espanyol), si registra un momento di incertezza, nel settore sinistro: Pajac sembra ormai ai margini, mentre Brayan Boci è andato in prestito al Lecco, al momento riammesso in Serie B.  Il discorso col Venezia per Ridgeciano Haps sarebbe stato messo in standby, mentre si lavora silenziosamente alla pista Emanuele Valeri (Cremonese, dicembre ’98), mai abbandonata del tutto.  

Passando a destra si nota un Silvan Hefti, fresco di passaporto comunitario, in netta ripresa rispetto alla travagliata stagione della B.  In attesa di capire verso chi punta lo sguardo il D.S. Ottolini, nelle more della decisione definitiva di Alessandro Zanoli (piede destro, ottobre 2000) – la cui partenza per Genoa pare legata all’arrivo sotto il Vesuvio di Faraoni dal Verona (per il ruolo di vice Di Lorenzo che Zanoli non sarebbe molto propenso ad accettare) – al momento l’alternativa resta il Jolly Stefano Sabelli.  In conclusione direi che attualmente nel ruolo mancano il possibile (con)titolare da un lato e l’alternativa dall’altro.

CENTROCAMPISTI – Il centrocampo del Genoa 2023/24 si giova delle conferme di tre dei quattro moschettieri della cavalcata dell’anno scorso: Milan Badelj, Kevin Strootman e Morten FrendrupFilip Jagiello c’è sempre e ci sarà ancora.  Rimangono per adesso in rosa, valutati dallo staff tecnico, Stefan Ilsanker (molto benvoluto da mister Gila), Filippo Melegoni e Mattia Aramu (a lezione intensiva di mezz’ala), scesi in campo nelle varie amichevoli, mentre sempre più incerto pare il destino di Pablo Galdames.  Salutiamo, contraccambiando il suo abbraccio, Luca Lipani, ceduto in via definitiva al Sassuolo: in bocca al lupo, Grifoncino!

Nel frattempo ha firmato il ben noto norvegese Morten Thorsby (CC centrale, maggio ’96, piede destro, talora impiegato a piede invertito, dall’1. FC Union Berlino). Elemento in grado di dare sostanza, fisicità e tenacia, specie in fase di contenimento, giocando abitualmente a due in mezzo al campo (3-4-1-2, 3-4-2-1 o 3-4-3).

Cosa serve? A mio avviso serve ancora una mezz’ala di alta qualità, di piede (destro) ben educato, dotato di forza fisica, entrambe le fasi e attitudine agli strappi “coast-to-coast”: per la Serie A temo sia indispensabile.  A questo proposito, una trattativa che torna attuale – grazie all’arrivo della nostra vecchia conoscenza Miguel Veloso sotto la torre pendente – è quella inerente Idrissa Touré (Tedesco, centrocampista centrale/esterno, piede destro, aprile ’98) del Pisa: si attendono novità, sperabilmente a breve.  Non si è più sentito parlare del conosciuto Soualiho Meïté  (Franco/Ivoriano, CC centrale, piede destro, marzo ’94), anch’egli più avvezzo a giocare “a due”. 

Negli ultimissimi giorni è spuntato anche il nome, per la mediana, di Pierre Kunde, (CC destro, luglio ’95) in scadenza nel giugno 2024 con l’Olympiakos, oltre alla suggestione del Tedesco di Napoli Diego Demme (CC destro, novembre ’91), non propriamente felice di partire ormai costantemente dalla panchina, a quanto si dice.  Il nome a sorpresa, tenuto sottotraccia ma mai abbandonato, sarebbe quello di Cesare Casadei (CC destro, gennaio ’03, Chelsea), che pare preferisca tornare in Italia e giocare con continuità… ed è un “Play” puro. Ma il Leicester non molla l’osso… vediamo cosa succederà.

ATTACCANTI – Dopo l’ufficializzazione del bomber Mateo Retegui (piede destro, aprile ’99, Argentino ma titolare Azzurro), ad affiancare Albert Gudmunsson, si attendono sviluppi inerenti Lorenzo Colombo (Milan, piede sinistro, marzo ’02), sul quale pare stia puntando i piedi mister Pioli, Noah Ohio (olandese, Standard Liegi, piedesinistro, gennaio ’03), e il nigeriano David Okereke (Cremonese, piede destro, agosto ’97). Ultimissima novità, un interesse per un eventuale ritorno di Christian Kouamè (AC Destro, dicembre ’97) in dubbio-uscita dalla Fiorentina: forte la concorrenza del Nizza, ma la pista è concreta.

Evidente, nel reparto, l’urgenza di operare prima di tutto in uscita.  Sensazioni: Puscas ed Ekuban sembrano più “vicini”, Coda, Yeboah e Yalcin più “lontani”.  Vedremo.  A nostro parere?  Serve un secondo giocatore anch’esso titolare, viste le difficoltà registrate già l’anno scorso in serie B…

Tirando le somme: a nostro avviso occorrono ancora quattro titolari (centrale sinistro di difesa, mezz’ala destra, esterno destro, un altro attaccante), in ruoli delicati, mentre siamo quasi a posto in quanto ad alternative.  Buon lavoro a Spoors e Ottolini: c’è ancora da fare.  Ma il tempo non manca, anche se siamo ormai all’esordio stagionale: stiamo tranquilli… si sa che i colpi migliori si fanno negli ultimi giorni.

Roberto “Alter Ego” Monleone

- Pubblicità -GenoART

RUBRICHE

POPOLARE

Fiorentina – Genoa i convocati

In vista della partita di Serie A Tim, in calendario domani Lunedì 15 Aprile alle ore 18.00 allo Stadio Franchi, il Genoa ha...

Radio music for peace