HomeNewsIl mio saluto a Gigi Riva

Il mio saluto a Gigi Riva

Pubblicato il

- Pubblicità -

Gigi ha scelto come vivere preferendo Cagliari e la Sardegna al miliardo di lire netto che Agnelli in persona gli offrì in gran segreto in un ristorante di Sankt Moritz. Avrà ai suoi piedi il mondo, siamo la Juventus. Grazie avvocato ma il Cagliari non è solo la mia squadra ma la mia vita, la mia famiglia. Riva in quella frase ha raccolto tutto, anche con l’aiuto delle 4 Marlboro accese anche per avere i tempi giusti e nascondere un po’ quella timidezza coraggiosa. Perché Gigi non amava parlare a vanvera, poche parole e quando era strettamente necessario. Sapeva però cogliere gli attimi giusti per darti un consiglio, un parere salvo poi rintanarsi in quel suo guscio rossoblu. Con la maglia del Cagliari, Gigi, si sentiva al sicuro. Amato, coccolato ma principalmente rispettato come solo i sardi sanno fare. Silenziosi ma osservatori di quello che li circonda, se gli entri nel cuore non ne esci più. Faber amava la Sardegna appunto per questa prerogativa del rispetto e dell’accoglienza … De Andrè condivideva con Gigi Riva il piacere del fumo (guai a chiamarlo vizio) e quel sorso di whisky che staccava la serata dalla nottata. Gigi le ballate le suonava con i suoi occhi neri rivolti ad un pallone mentre De Andrè pizzicando le sue corde di una chitarra trattata come una amante. Gigi Riva ha scelto come e dove vivere senza guardare in faccia soldi e potere e, alla fine, ha scelto come morire rifiutando ogni cura che probabilmente lo avrebbe lasciato tra di noi ancora per qualche anno. Un po’ come quando dissero a Faber “bisogna che la smetta”… Grazie dottore ma no, va bene così. Gigi rispose quasi in un coro ritardato : dottore la ringrazio ma va bene così, davvero, ringrazi tutti.
Grazie a te Gigi, campione prima fuori dal campo immenso dentro
Ciao Rombo di Tuono

Adriano Caorsi

- Pubblicità -GenoART

RUBRICHE

POPOLARE

Gilardino: “Dovremo fare una partita gagliarda”

Ecco le parole di Mister Gilardino alla vigilia di Verona-Genoa. Come ha visto la squadra questa settimana? "Per la situazione infortunati Matturro, Cittadini, Vitinha, Retegui e Malinovskyi saranno i giocatori assenti. Retegui è...

Radio music for peace