HomeNewsLe pagelle di Lecce-Genoa

Le pagelle di Lecce-Genoa

Pubblicato il

- Pubblicità -

Mister Gilardino: 6 – Il match tattico con D’Aversa finisce con una sconfitta, non clamorosa, ma abbastanza chiara; si sa che il 4-4-2 è sulla carta un ottimo sistema a contrasto del 4-3-3, anche se personalmente avrei gradito vedere l’albero di Natale dal primo minuto con Malinovskyi, evidentemente ancora in deficit di condizione: sarà per la prossima volta, magari in casa, dove poter osare dando più supporto a bomber REtegui.

Martinez: 6 – Sbroglia tutto con la consueta flemma, per poco non prende anche la deviazione di Frendrup sul goal.

De Winter: 5,5 – Messo spesso due contro uno da Strefezza e Rafia, ne esce ammonito dopo 6’ e sostituito all’intervallo.  Tutta arte che entra.  Non era un fuoriclasse dopo il Napoli, non è un brocco oggi.

(dal 46’ Vazquez: 7 – Obbliga il folletto Almqvist a girare al largo: la sola volta che gli scappa in area, per un rimpallo, lo ferma in stile Nesta)

Dragusin: 6,5 –  Concede pochissimo al temuto Krstovic.   Era veramente fuori luogo, in serie B.

Bani: 6 – Non brilla, ma non sbaglia niente.

Martin: 5 – Almqvist se lo ricorderà a lungo.  Serve cambiare passo.

Sabelli: 6 – Non trova né la misura né la posizione, lasciando spesso da solo De Winter ma senza incidere in avanti.  Nella ripresa arretra per sostituire il compagno, senza fare danni, ma patendo molto Strefezza.

(dall’89’ Puscas: S.V.)

Badelj: 6 – Troppo preoccupato di arginare il dinamismo dei tre della mediana giallorossa, non riesce a far giocare la squadra.

(dal 75’ Hefti: 6 – Piazzato davanti a Sabelli prova a portare su qualche palla, senza grande successo)

Strootman: 6 – Sembra un po’ appannato, come se la centrifuga della lavatrice girasse un po’ troppo piano.

Frendrup: 6 – Una volta o l’altra ci vorrebbe una telecamera personalizzata per lui.  Finirebbe col fiatone.  La telecamera.  Mezzo voto in meno per aver lasciato Oudin libero di calciare: incolpevole sulla deviazione.

Gudmunsson: 6 – Da lui ti aspetti sempre che ti cambi la partita. Media tra un primo tempo opaco e una ripresa più volitiva ma senza spunti vincenti.  

(dall’89’ Malinovskyi: 5,5 spreca una punizione che si poteva organizzare meglio)

Retegui: 6,5 – Corre, fa a sportellate, raccoglie una pagnottina piccola piccola, ma fatta solo con le briciole.

(dal 75’ Ekuban: 6 –  Ci mette la sua voglia inesauribile, e poco più)

Roberto “Alter Ego” Monleone

- Pubblicità -GenoART

RUBRICHE

POPOLARE

Gli arbitri di Fiorentina – Genoa

L' AIA ha comunicato gli ufficiali di gara incaricati per la partita di Lunedì 15 Aprile alle ore 18.00 al Franchi di Firenze. Arbitro: Di...

Radio music for peace