HomeNewsRossoblù un po' sbiadito

Rossoblù un po’ sbiadito

Pubblicato il

- Pubblicità -

Il Genoa non riesce a superare un coriaceo Frosinone, bravo a mettere pressione e a riprendere il risultato pochi minuti dopo essere andato in svantaggio.  Fasi di non possesso che prevalgono, partita molto tattica e giocata soprattutto a centrocampo: bravi i ragazzi di Di Francesco a “far giocare male” il Genoa.  Risultato in fondo giusto.

Mister Gilardino non ha modo di valutare l’assetto “più offensivo” col 2+1 (o 1+2) in attacco, a causa del forfait di Vitinha (ed Ekuban); tra scelte obbligate e obiettivi di giornata vara il “solito” 3-5-2 con Vogliacco dietro, Messias mezz’ala e Spence esterno di sinistra.  Coppia d’attacco i due bomber “Inter-Nazionali” Gudmunsson e Retegui.

Mister Di Francesco recupera solo per la panchina capitan Mazzitelli, Lusuardi e Bonifazi, ma deve rinunciare a Harroui, Oyono, Marchizza e Kalaj: sceglie quindi un 3-4-2-1 con Soulé e Reinier a sostegno di Cheddira. 

Primo tempo di grande intensità nel pressing, alternato a fasi più d’attesa, per il Frosinone sul baratro della zona retrocessione: i ragazzi di Di Francesco tengono il baricentro e la pressione alti, andando a schiacciare prima costruzione e seconde palle del Genoa.  Il Grifone attende sornione che si aprono gli spazi per incidere in ribaltamento, cercando di non concedere spazio a Soulé e troppi varchi sui due contro uno che i gialli cercano di innescare, principalmente sul loro lato destro.  Messias schierato a destra e Frendrup a sinistra si occupano principalmente di Reinier e di Soulé, lavorando sulle preventive per impedire che i due trequartisti possano provocare rotture della linea a vantaggio di Cheddira.  La prima palla goal è del Genoa al minuto 9’: su un corner è Vasquez a colpire di testa, ma la traversa prima e il portiere sul tap-in di Sabelli dopo, dicono di no. Il Frosinone mette in movimento il suo fantasista Argentino, con l’incarico di scompaginare movimenti e scalature: Soulé trova poca collaborazione e si mette in proprio, ma senza rendersi pericoloso.   E’ la squadra di Gilardino a sbloccarla: un’incursione verticale di Gudmunsson viene premiata da un’imbucata di Messias che Okoli argina in modo falloso.  Calcio di rigore perfetto dello stesso Albert.  1-0 al minuto 30’.  Il vantaggio dei Rossoblù dura solo sei minuti. Per una volta Soulè inverte la posizione e premia l’attacco di Zortea sul quale Spence è in ritardo di una frazione di secondo: cross basso e volèe di Reinier, indisturbato a rimorchio a centro area.   Il Frosinone prende coraggio e arriva alla conclusione altre due volte con la stessa manovra: Soulè a flottare davanti al limite fino a liberare Brescianini al tiro.  Martinez para senza troppi patemi d’animo.

Secondo tempo con grande prevalenza di gioco a centrocampo e poche occasioni per entrambe le squadre.  Un’incursione Badelj-Gudmunsson con cross deviato all’ultimo da Romagnoli su Messias (56’), un non-rigore di Vogliacco su Cheddira lanciato in area dal solito Soulé (57’), una pericolosa ripartenza che mette il brasiliano del Genoa in posizione di tiro, ma il sinistro al velluto sfiora l’incrocio (68’).  Le squadre si allungano e cedono alla stanchezza, gli assetti cambiano per via di qualche sostituzione non programmata (soprattutto nei Rossoblù).  Ancora una mezza occasione per Soulé che si ritrova una palla libera un po’ casuale, ma non inquadra il bersaglio (81’), prima di un forcing conclusivo del Genoa che, portato senza sufficiente intensità, non frutta nitide occasioni da rete.  C’è tempo ancora per un altro rigore-non-rigore (ma il fallo di mano di Thorsby non c’è) e per un paio di iniziative del Genoa che non portano pericoli veri per Turati, prima del triplice fischio.

I tabellini:

I tabellini:

GENOA (3-5-2) – Martìnez;Vogliacco, Bani, Vasquez; Sabelli (dal 76’ Ankeye), Frendrup, Badelj © (dal 76’  Thorsby), Messias, Spence (dal 46’ Malinovskyi; dal 63’ Strootman); Gudmunsson, Retegui (dal 54’ Haps) A disp.: Leali, Sommariva, Pittino, De Winter, Bohinen.

FROSINONE (3-4-2-1)– Turati; Lirola, Okoli, Romagnoli ©; Zortea, Barrenechea, Brescianini, Valeri; Soulé (dall’82’ Ibrahimović), Reinier (dal 76’ Mazzitelli); Cheddira (dall’82’ Çuni) A disp.:  Frattali, Báez, Seck, Garritano, Kvernadze, Ghedjemis, Monterisi, Cerofolini, Bonifazi, Lusuardi.

Marcatori:  Gudmunsson (CdR), Reinier

Ammoniti: Retegui, Badelj (G) – Zortea (F)

Espulsi: –

Arbitro: Sacchi

Roberto “Alter Ego” Monleone

- Pubblicità -GenoART

RUBRICHE

POPOLARE

Genoa: presentato il ritiro in Val di Fassa

Il Genoa ha presentato ufficialmente quest'oggi date e modalità del prossimo ritiro estivo, che la squadra sosterrà l'estate prossima ancora in Val di Fassa. Questo...

Radio music for peace