HomeNewsTre punti importantissimi

Tre punti importantissimi

Pubblicato il

- Pubblicità -

Un Genoa volitivo ma un po’ frenetico, ben contenuto dal centrocampo del Sassuolo, nonostante un’altra buona prova di Badelj, poco sostenuto da un Frendrup leggermente opaco e da un Malinovskyi incaricato di svariare per mandare in tilt le preventive di Henrique e Boloca, ma in difficoltà a fornire appoggio ravvicinato alle punte, si porta via l’intera posta da Sassuolo.  D’altra parte i ragazzi di Gilardino subiscono il goal (dell’ex Pinamonti) dello 0-1 in modo abbastanza casuale, sull’unico pallone buono per il temuto Lorientè, dopo un primo tempo sostanzialmente alla pari.  Tipica la partita di Gudmunsson: va a sprazzi ma alla fine dei conti totalizza un goal e un assist.  Si sblocca finalmente Caleb Ekuban. Buon passo avanti nella tenuta e nell’approccio agonistico, premiato da tre punti pesantissimi contro una concorrente diretta per la salvezza.  Avanti così.

Mister Gilardino si ritrova ancora senza Kutlu, Messias e Retegui: sceglie di affiancare Ekuban a Gudmunsson, e per il resto schiera col consueto 3-5-2 la sua miglior formazione attualmente disponibile.  Koni De Winter è l’unico diffidato in rosa.

Mister Dionisi è costretto, dalle partenze estive e dalle assenze del momento, tra cui Berardi all’ultimo, a virare sul 4-2-3-1 e lo fa preferendo Erlic e Thorstvdet a Tressoldi e Bajrami.  Con due punti nelle ultime cinque deve riportare il Mapei Stadium dalla sua parte, e per questo imposta una gara estremamente volitiva e aggressiva.

Primo tempo estremamente equilibrato, con le due mediane a fare densità, sporcare linee di passaggio verticali e impedire quindi sviluppi efficaci da entrambe le parti.  Più possesso per il Genoa, soprattutto grazie all’interscambio Badelj-Malinovskyi: un po’ in ombra Frendrup, poco propositivo Sabelli, giustamente preoccupato dalla vivacità di Lorientè, impreciso Vasquez dall’altra parte; più attacco degli spazi da parte dei contropiedisti di Mister Dionisi.  Parte meglio il Genoa con due buone iniziative di Ekuban e De Winter, risponde il Sassuolo con un’incursione e cross appunto di Lorientè.  I padroni di casa passano in vantaggio al minuto 28’: da una seconda palla un po’ casuale esce bene Lorientè che in campo aperto supera Bani, ammonito, e serve Pinamonti in area, per il classico goal dell’ex, nonostante l’intervento alla disperata di Dragusin.  Ancora un paio di iniziative tra Badelj, Ekuban e un Gudmunsson spesso un po’ troppo lontano dalla porta, e un paio di contropiede pericolosi dei Neroverdi, sul secondo delle quali Martinez si supera su Henrique.

Scende in campo deciso benché poco ordinato, il Genoa, che costruisce quattro situazioni interessanti con Badelj, Gudmunsson, Thorsby e Malinovskyi, ma senza rendersi veramente pericoloso.  Solo una rovesciata coraggiosa ma imprecisa per Pinamonti.  Trova un pari evidentemente legittimo, il Grifone, grazie a un fallo di mano in area su tocco di De Winter;  il VAR sancisce la prima massima punizione per il Genoa dopo sedici partite e mezza: ci pensa Gudmunsson a realizzare il penalty da manuale.  Le squadre si allungano ed Ekuban ha un paio di opportunità ma non riesce a gestirle nel modo giusto.  Dall’altra parte è Volpato a vivacizzare la fase offensiva del Sassuolo, visto il calo vistoso di Pinamonti.  La palla buona in corridoio arriva sulla corsa ad Ekuban grazie a un delizioso tacco di Gudmunsson al minuto 87’: l’attaccante Genoano sfrutta la sua  progressione e non sbaglia, davanti al portiere, realizzando il 2-1.  C’è ancora tempo per un paio di folate dei padroni di casa e qualche pallone Rossoblù alla bandierina, prima del triplice fischio finale.

I tabellini:

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Toljan, Erlic, Ferrari © (dal 46’ Tressoldi), Pedersen; Boloca, Henrique; Castillejo (dal 58’ Volpato), Thorstvedt (dal 58’ Bajrami), Laurienté; Pinamonti (dall’83 Mulattieri) A disp.: Cragno, Pegolo, Missori, Lipani, Racic, Ceide, Defrel

GENOA (3-5-2) – Martinez; De Winter, Bani (dal 60’ Thorsby), Dragusin; Sabelli, Frendrup, Badelj © (dal 74’ Strootman), Malinovskyi (dall’89’ Vogliacco), Vasquez (dal 60’ Martin); Gudmunsson, Ekuban – A disp.: Leali, Sommariva, Hefti, Haps, Matturro, Jagiello, Galdames, Fini, Puscas

Marcatori: Pinamonti, Gudmunsson, Ekuban

Ammoniti: Lorientè, Ferrari (S) – Bani (G)

Espulsi: –

Arbitro: Guida

Roberto “Alter Ego” Monleone

- Pubblicità -GenoART

RUBRICHE

POPOLARE

Joel Almada Monteiro

Alcuni rumors, rilevano un interesse per l'esterno sinstro classe '99 dello Young Boys formazione svizzera. Il ragazzo ha doppia nazionalità, portoghese e svizzera. Ho appena...

Radio music for peace